Sala Gino Morici


La sala è dedicata all'eclettico Gino Morici. Nasce nel 1901 a Palermo dove è vissuto e ha lavorato. Nel 1925 ha vinto il Pensionato nazionale di decorazione e dal 1931 ha insegnato decorazione e scenografia all’Accademia delle belle arti di Palermo. Pittore che spaziava dal design alla scenografia, fu anarchico in gioventù e difensore della Camera del Lavoro di Palermo contro la strumentalizzazione del regime e delle cosche. Tra le tante opere, nel 1933 iniziò i lavori per alcuni interni del Palazzo delle Poste di Caltanissetta, ora di proprietà della Banca Sicana che lo ha ristrutturato, per il quale portò poi a compimento Allegoria dell'Italia (1939), olio su tavola posto nell'ex Sala del Telegrafo.

BRIDGES 2 – Round Trip


Artisti

Paolo Amico

Nato a San Cataldo nel 1987, vive e lavora tra la Sicilia e Torino. Ha intrapreso da subito studi artisti, sin da piccolo ha saputo di voler fare l’artista, già all’età di 7 anni ha scoperto una forte predisposizione per il disegno, da quel giorno non ha mai smesso di disegnare e già in giovane età è entrato in contatto con gli strumenti a lui più congeniali che sono le penne a sfera, da bambino usava la classica penna carioca 10 colori. Dopo la laurea ha lavorato per due anni in una ditta di restauro e come assistente all’università, anni in cui ha ritrovato le penne nel suo cammino e iniziato a creare opere utilizzando le bic colorate, inizialmente attratto dalle luci artificiali ha creato progetti dedicati al paesaggio urbano notturno, fino agli ultimi progetti dedicati al ritratto.


Alberto Antonio Foresta

Nato a Caltanissetta il 12/12/1990 e cresciuto nella vicina San Cataldo, Alberto Antonio Foresta si appassiona fin dalla tenera età all’arte e in particolar modo alla pittura, grazie all’influenza del padre Vincenzo, anche lui pittore. Intraprende gli studi accademici presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo, in cui consegue la laurea triennale in Didattica dell’Arte con la tesi Einfühlung, “Sentire dentro” l’opera d’arte. Il processo empatico tra oggetto artistico e spettatore attraverso la fisiognomica, l’empatia e le neuroscienze; prosegue gli studi teorici a Firenze, laureandosi in Storia dell’Arte presso la Facoltà di Lettere e Filosofia, con la tesi dal titolo La critica d’arte di David Freedberg. Da “Il Potere delle immagini” alle neuroscienze; vive e lavora attualmente tra Palermo e Milano, luogo di inedite sperimentazioni e ricerche. Interessato alla società e alle sue contraddizioni, attraverso l’utilizzo di molteplici canali espressivi, dalla fotografia alla pittura, dall’installazione alla video-arte, mette in risalto, con sguardo critico o ironico, la naturale propensione alla quotidianità, agli affetti familiari, agli interessi e ai riferimenti culturali, ponendosi in una panoramica interpretativa più ampia.

Patrizia Cataldo

Nasce a Caltanissetta il 25/09/1962, docente di Scienze Motorie presso l’Istituto Sen. A. Di Rocco di Caltanissetta. Ha partecipato a diverse collettive e realizzato diverse personali dal 1996 al 2005 in Sicilia tra Agrigento, Caltanissetta e comuni limitrofi. Ha esposto presso il Palazzo Municipale, Palazzo Moncada, Biblioteca Scarabelli e Cefpas. Dal 2006 anche importanti gallerie di Udine, Pordenone e Lignano Sabbiadoro. Ha realizzato due cataloghi entrambi intitolati “ opere recenti” tra il 2008 e il 2011. Ha collaborato con le associazioni artistiche “ Spazio arte evolution” e Spazio arte 89 “ di Caltanissetta. Ha partecipato alla prima mostra organizzata dalla Agerica BRIDGES- attraversamenti trasversali 2017 e dipinto due grandi murales presso l’Istituto Se. A. Di Rocco di Caltanissetta. Realizza opere su tela e opere grafiche. Ha una sua personale permanente esposizione/studio a Caltanissetta in via Carnevale, 23.

Mauro Fornasero

Nato nel 1964, architetto. Inizia a disegnare e dipingere fin da piccolo, negli ultimi 14 anni circa intraprende un nuovo linguaggio più tendente all’espressione delle sensazioni, per l’uso dei colori forti, del dinamismo delle linee, e del riferimento costante all’ambiente urbano, sia come soggetto principale che come “sfondo”, in questo rimanendo influenzato dai suoi studi universitari. Utilizza prevalentemente colori acrilici. Esprime inoltre con l'uso del colore e della linea una sua personale interpretazione della sicilianita', utilizzando in alcuni lavori i principali simboli della Sicilia. Oltre ai quadri, esprime la sua creativita' anche decorando oggetti in legno, vasi ed altro. E’ anche appassionato di fotografia. Ha esposto in svariate mostre collettive e personali, sia in Italia che all’estero. Ha avuto alcune pubblicazioni, premi e riconoscimenti, sia per la pittura che per la fotografia.

Stefania Turco

Nata a Caltanissetta, Medico Veterinario di professione, appassionata di arte in tutte le sue forme: dalla musica al teatro alla pittura; partecipa a vari laboratori e corsi teatrali con attori e registi di fama nazionale; si avvicina "per caso" all'arte nell'ottobre del 2018, quando vicende personali la portano ad un periodo di assenza dal lavoro; riscopre la pittura come "terapia" dipingendo per se stessa prevalentemente di notte. I primi lavori di ispirazione cubista, lasciano il posto all’astrattismo e alla sperimentazione in cui prevale la tecnica ad impasto; piu recentemente la sperimentazione dell’ action painting e influenze in stile Pollock. Lavori prevalentemente effettuati su tela, ma anche murales su pareti esterne ed interne; non ultimo il body painting. Partecipa alla prima mostra dal titolo “L’Arte che cura “ a dicembre 2019 a cura dell’ associazione culturale Creative Spaces. Ad Aprile 2020 espone tre delle sue opere al museo virtuale "Covid3d", a cura dell’Associazione Creative Spaces. A Dicembre 2020 realizza un murales in vicolo Cassetti nel centro storico della città di Caltanissetta, dal titolo ApPartenenzA

Ivana Urso

Nasce il 17 dicembre 1978 a S. Cataldo (CL).
Inizia giovanissima lo studio delle arti applicate che la porteranno a frequentare l'Istituto Regionale di Arte di San Cataldo e l'Accademia di Belle Arti di Catania dove rivela un talento particolare per il corso di Decorazione Pittorica , nel 2002 si laurea con 110/110. Si trasferisce in seguito a Roma, dove inizia una ricerca personale per la vetrofusione sperimentale e l'incisione oltre che la pittura. Realizzando diverse opere su commissione di diversi artisti. Profilo artistico-culturale: Si unisce al movimento del Pentastrattismo nel 2017, movimento artistico di artisti italiani di arte contemporanea, dove esalta la bellezza e la gestualità dell'arte astratta in un modo tutto suo.

Filippo Bordonaro

Artisticamente autodidatta, si laurea nella sezione Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti “Giorgio De Chirico” di Riesi (CL), nel 2011. Pur sperimentando le tradizionali tecniche di pittura e scultura, negli ultimi anni concentra la sua attenzione, in particolare, sull’uso della penna BIC su carta e tela per rappresentare – tra gli altri temi – foreste rigogliose e fantastiche, teatro di visioni e interpretazioni oniriche della flora e di uomini e animali, in preda a istinti primordiali. Le sue giungle, grazie all’uso della penna a sfera nera, blu e a volte rossa, si presentano in un monocromo altamente chiaroscurato che esalta le qualità grafiche del soggetto rappresentato e richiama, al contempo, suggestioni ed echi che vanno dalla grande tradizione artistica fiamminga alle fantasie naif e noir.

Dorota Hajduk

Nata nel 1987 a Rybnik, Polonia. Nel 2012 si è laureata all'Accademia di Belle Arti di Cracovia (Facoltà di Pittura, Educazione Artistica) sotto la supervisione del prof. Adam Brincken. Lavora soprattutto su dipinti-oggetti astratti, ma anche su disegni e fotografie, concentrandosi su paesaggi, ritratti e soggetti sacri. Attualmente vive e lavora a Cracovia, dove è anche educatrice artistica.
MOSTRE PERSONALI: Brama [Gate], Museum of the Benedictine Abbey in Tyniec, Cracow 2020/2021 Wewnątrz i wokół [Inside and outside], Rybnik’s Cultural Centre, Rybnik 2020.